Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, si avvisa l’utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali

Normativa. Linee guida del garante sul dossier sanitario elettronico.


Il Garante privacy ha emanato la Deliberazione del 4 giugno 2015, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale n. 164 del 17 luglio 2015, recante Linee guida sul dossier sanitario elettronico“.

Scopo delle Linee guida è quello di definire un quadro di riferimento unitario per il corretto trattamento dei dati raccolti nei dossier sanitari, già istituiti o che si intendono istituire,  da parte di strutture sanitarie pubbliche e private. Il dossier sanitario elettronico è lo strumento costituito presso un’unica struttura sanitaria (un ospedale, un’azienda sanitaria, una casa di cura), che raccoglie informazioni sulla salute di un paziente al fine di documentarne la storia clinica presso quella singola struttura e offrirgli un migliore processo di cura. Si differenzia dal fascicolo sanitario elettronico in cui invece confluisce l’intera storia clinica di una persona generata da più strutture sanitarie.

Il provvedimento stabilisce, in particolare, che ai pazienti deve essere consentito di scegliere, in piena libertà, se far costituire o  meno il dossier sanitario. In assenza del consenso il medico avrà a disposizione solo le informazioni rese in quel momento dal paziente o in precedenti prestazioni fornite dallo stesso professionista. La mancanza del consenso non deve incidere minimamente sulla possibilità di accedere alle cure richieste. Per poter inserire nel dossier informazioni particolarmente delicate (infezioni Hiv, interventi di interruzione volontaria della gravidanza, dati relativi ad atti di violenza sessuale o pedofilia) sarà necessario un consenso specifico.

La struttura sanitaria inoltre, dovrà garantire al paziente l’esercizio dei diritti riconosciuti dal Codice privacy (accesso ai dati, integrazione, rettifica, etc.) e la conoscenza del reparto, della data e dell’orario in cui è avvenuta la consultazione del suo dossier. Al paziente dovrà essere garantita anche la possibilità di “oscurare” alcuni dati o documenti sanitari che non intende far confluire nel dossier.

Il provvedimento è consultabile sul sito del Garante della privacy.

 

 


Notizie Correlate
PNRR Telemedicina e Assistenza Domiciliare

PNRR, la rimodulazione della Missione 6 Salute

Il Ministero della Salute supporterà l'assistenza domiciliare e la telemedicina nell'ambito dell'investimento "Casa come...
Leggi tutto
Fascicolo sanitario elettronico in gazzetta ufficiale

Il Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0 arriva in Gazzetta Ufficiale

Con la pubblicazione in data 24 ottobre 2023, la Gazzetta Ufficiale recepisce il decreto...
Leggi tutto
Survey Gruppo KOS 2023 cartella clinica elettronica equipe

Tutti i risultati del survey condotto dal Gruppo KOS sul passaggio alla Cartella Clinica Elettronica EQUIPE

Interessante e degna di approfondimento la survey condotta dal Gruppo KOS , che dal...
Leggi tutto