Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, si avvisa l’utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali
Rapporto di Meridiano Sanità 2022

Secondo il Rapporto di Meridiano Sanità il SSN non sarà più sostenibile nel 2050

Nei giorni scorsi è stato pubblicato il rapporto annuale 2022 di Meridiano Sanità (qui il rapporto completo), realizzato da The European House-Ambrosetti con il contributo non condizionante di Amgen, bioMérieux, Msd, Pfizer e Sanofi.

Si tratta di un documento giunto ormai alla 17° edizione, che fotografa con completezza di dettaglio ed accuratezza la situazione del nostro sistema sanitario che quest’anno si trova ad affrontare uno scenario influenzato da fattori congiunturali e strutturali (conflitto russo-ucraino e tensioni internazionali, crisi inflattiva ed energetica, incertezza economica, PNRR, superamento emergenza pandemica, invecchiamento popolazione, aumento cronicità ecc.)      

Il documento, individua diverse criticità nel nostro modello e propone alcune soluzioni per impedire il collasso previsto fra meno di trent’anni.

Considerando l’evoluzione dei fattori economici, dei fattori demografici, del contesto epidemiologico e dei fattori di rischio associati alle principali patologie, infatti, il modello previsionale della spesa sanitaria elaborato ha stimato l’incidenza della spesa sanitaria pubblica sul Pil al 9,5% entro il 2050. Nel 2021 in Italia è stata del 7,2% (picco annuale al rialzo dovuto alle spese per fronteggiare pandemia) contro l’11% della Germania e il 10,3% della Francia.

Questo livello di spesa è incompatibile con lo scenario di invecchiamento demografico e con il calo della natalità. Tanto per capirci, secondo ultimo DEF, è previsto al 6% del Pil entro 2025. Per rendere sostenibile questa prospettiva, il report prevede un’azione congiunta su cinque elementi:

•    pressione fiscale

•    flussi migratori

•    età pensionabile

•    forza lavoro potenziale

•    tasso di occupazione.

Certamente le risorse del PNRR, in particolare quelle assegnate al raggiungimento degli obiettivi della Missione 6 dedicata alla Salute, rappresentano una grande opportunità per “mettere in sicurezza” il sistema, dal momento che mirano non solo a rispondere alle vulnerabilità emerse durante l’emergenza pandemica ma anche a risolvere le criticità preesistenti attraverso il rafforzamento delle infrastrutture e la digitalizzazione dei servizi sanitari.

Quindi la strategia di intervento proposta dal documento si sviluppa in quattro direzioni:

1.    continuare a investire nella salute con un approccio intersettoriale (One Health) e aumentare in modo strutturale le risorse economiche destinate alla sanità portandole, nel breve periodo, almeno al 7% del Pil e arrivando a investire il 9% a medio-lungo termine, raggiungendo così l’incidenza media della spesa sanitaria sul Pil di Paesi come Germania, Francia e Spagna;

2.    dare piena attuazione ai progetti della Missione Salute del PNRR per rendere il SSN più resiliente, accompagnando il rafforzamento infrastrutturale del sistema con il potenziamento dell’organico e con la transizione digitale;

3.    adottare programmi e strategie di medio/lungo termine che permettano all’Italia di affrontare e vincere le sfide di salute che si prospettano puntando su prevenzione e innovazione;

4.    promuovere il principio della salute in tutte le politiche, considerando gli impatti diretti e indiretti che i determinanti socio-economici e ambientali hanno sulla salute degli individui, favorendo prima di tutto la convergenza tra la politica sanitaria e quella industriale

In assenza di capacità di spesa e realizzazione secondo queste direttrici, ci dobbiamo aspettare un aumento costante della spesa sostenuta direttamente dalle famiglie (out of pocket) che già oggi in Italia è al 21,8% della spesa del SSN, un valore superiore alla media europea di 5,3 punti percentuali.

Transizione digitale, innovazione di processi e strumenti, sono elementi che appartengono al nostro DNA di azienda che da oltre 20 anni si occupa di SW innovativo per la sanità.

Notizie Correlate
cure domiciliari digitali

Digitale & Cure Domiciliari 

Per comprendere quanto il digitale sia decisivo e dirimente nell’attuazione della riforma delle cure...
Leggi tutto
Buone Feste da Connect Informatics

Tempo di bilanci & auguri !

Appeso alla parete della cucina, il calendario a “strappo” ha ancora il suo fascino...
Leggi tutto
riforma territoriale

Cosa insegnano le esperienze di riforma territoriale già in essere ?

Nel quadro della riforma dell’assistenza territoriale introdotta dal DM77, molto sono gli aspetti e...
Leggi tutto

Utilizzando il sito (cliccando sui link e navigando) accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi